=> Scam sentimentali: se li conosci li EVITI!!


I corsi online che ti semplificano la vita
 

Home Blog - Corsi Online Gratuiti - Corsi Online Avanzati - Testimonianze



Scam sentimentali: se li conosci li EVITI!!

categorySeduzionecategory

scam sentimentali

Gli scam sentimentali esistono (purtroppo) ormai da molti anni ma, con l’esplosione su larga scala di social network come Facebook, il fenomeno ha assunto dimensioni ancora maggiori e sempre più preoccupanti.

Di cosa si tratta esattamente?

Con il termine scam si indica, in genere, un tentativo di truffa basato sulla persuasione sociale e messo in atto attraverso il semplicissimo mezzo dell’email.

Un tipico esempio di vecchia data, è quello tristemente noto come “truffa nigeriana”.

La cosa in comune che hanno TUTTI i tentativi di scam è di estorcere somme di denaro, oppure di appropriarsi di dati sensibili (password, numeri di carte di credito, eccetera) al fine di poter accedere illegalmente a determinati servizi.

Tuttavia, in questi ultimi anni, fra i vari tipi di truffa è venuto sempre più alla ribalta lo scam sentimentale…prima in modo meno “evidente” attraverso forum, newsgroup, chat, siti internet per incontri, eccetera, ora in modo massiccio e plateale attraverso l’esplosione dei social network su scala mondiale.

Fatta questa necessaria premessa, vediamo per bene come si svolgono le truffe basate sugli scam sentimentali e, sopratutto, come riconoscerle al volo ed evitarle all’istante!

All’inizio, si viene sempre contattati da una donna. In genere, queste sono le caratteristiche della scammer (ossia di chi attua questa odiosa pratica):

  • Giovane età;
  • Bella presenza;
  • I paesi di provenienza sono quasi sempre la Russia, l’Europa dell’est e l’Africa;
  • Si presenta subito facendo vedere alcune sue foto (in genere sfocate e di scarsa qualità, quasi sempre scaricate da internet) nelle quali mette in evidenza la sua avvenenza fisica;
  • Fa subito ottimi apprezzamenti riguardo la vittima prescelta e dimostra una immediata disponibilità a voler instaurare una relazione (anche a lungo termine);
  • E’ sempre disponibile al dialogo e risponde alle mail in modo estremamente veloce.

…E “solo” questi sono tutti indizi che, sommati, dovrebbero far insospettire pesantemente!

Tuttavia, la conferma clamorosa che ci si trova di fronte a una truffa si avrà solo nel momento in cui arriverà l’inevitabile richiesta di soldi. In genere, la cifra richiesta non è altissima, ma neanche bassissima.

Queste sono le motivazioni che vengono date nella stragrande maggioranza dei casi:

  • Biglietto aereo per raggiungere l’ignara vittima della truffa;
  • Improvviso bisogno di denaro per problemi di salute;
  • Eccettera.

Qualunque sia la scusa, una volta che la scammers avrà avuto la somma di denaro, non si farà più sentire e troncherà ogni tipo di comunicazione all’istante.

Ovviamente, non è neanche detto che chi mette in atto la truffa sia per forza di cose una donna…

Il risultato è sempre lo stesso: chi ha dato fiducia alla scammer si sente distrutto non tanto per la somma di denaro persa, ma perché a volte si tratta si una persona bisognosa d’amore che si era fidata, e aveva letteralmente perso la testa prima ancora di incontrare fisicamente l’eventuale futura partner.

Segue, in genere, un periodo di depressione nerissima durante il quale la vittima dello scam sentimentale spesso non ha neanche la forza e il coraggio di farsi aiutare, perché purtroppo teme di passare per un debole e/o un ingenuo.

Spero, nel mio piccolo, con quest’articolo di aver contribuito a far conoscere e a mettere in guardia contro un fenomeno che ha assunto, in questi ultimi anni, dimensioni davvero preoccupanti.

Io stesso, recentemente, sono stato oggetto di ben 2 tentativi di scam sentimentali che mi sono arrivati addirittura tramite messaggio privato in un forum dove si parlava di web marketing!! (quindi niente a che fare con i classici siti di incontri, social network, chat e simili)

Le email – ovviamente contenenti foto in bassa qualità di 2 belle ragazze dell’est – erano scritte in inglese e questa è stata la mia lapidaria risposta che non traduco (ma facilmente intuibile…): “FUCK YOU BITCH!!!” 🙂

P.S.
Se cerchi un sistema più sicuro per conoscere belle donne e totalmente privo di brutte sorprese, allora non posso che consigliarti questo! 😉

Mark Cannelli


Banner

Tua Email:


25 Commenti a “Scam sentimentali: se li conosci li EVITI!!”

  1. Gian Piero Turletti says:

    Bellissimo ed utilissimo articolo.

    Nel tempo, si sono affinate tecniche, prima off line e poi, ovviamente, sempre più on line, che riconducono a truffe e reati di vario genere, comprese attività di hacking e di craccaggio, come si usa dire in gergo, e quindi, penso di fare cosa gradita a tutti gli utenti, spiegando qualcosa che possa metterli in guardia da vari rischi.

    Intanto, una premessa generale:
    il fatto di usare comunemente strumenti di sciurezza su internet, in parte ritenuti sicuri, come password e login, o di usare, per tutelare i nostri beni, sistemi come porte blindate e sistemi antifurto, beh, occorre dire che lascia il tempo che trova.
    In tutto questo c'è anche una filosofia di fondo:
    mentre il sistema, cosiddetto di sicurezza, è precostituito,è un elemento che si trova lì, l'ingegno di chi lo deve neutralizzare non ha limiti, e quindi…..non sappiamo con cosa verrà affrontato…..
    Conosciamo l'allarme che abbiamo installato, la porta blindata che dovrebbe difenderci, le password e quant'altro, ma….dall'altra parte non sappiamo cosa stiano architettando.

    Ma andiamo con ordine:
    una volta era tipico di taluni truffatori fingersi titolari, ad esempio, di ingenti somme di denaro, a titolo di eredità, ma depositate in banche che, per rilasciare la somma, pretendevano una garanzia, che ovviamente il ricco ereditiero (meglio ereditiera se la proposta era rivolta a uomini), non aveva…..
    Questi truffatori si guardavano in giro e…..appena colta la vittima, cui chiedere la somma della garanzia, possibilmente di una certa età e dall'aspetto, diciamo, tale da esprimere un'ntelligenza non particolarmenta acuta…., ecco che il gioco era quasi fatto al 100%.

    Ma torniamo ad internet:
    chiaramente, la diffusione di moderni mezzi tecnologici e telematici ha favorito il diffondersi anche di attività di furto di codici e password….
    o di diffusione di virus e programmi vari…..
    Partendo da questi ultimi, occorre dire che taluni ti fanno fare, o meglio, fanno fare al tuo pc, tutto quello che vogliono.
    Avete presente team viewer?
    Se c'è qualcosa nel vostro pc che non va, e non avete tempo e modo di portarlo da un tecnico, basta che installiate questo programmino e chi sta a distanza, avendo installato lo stesso programma, è in grado di analizzare e comandere il vostro.
    Basta una connessione internet, ma in questo caso la cosa è legale, ed infatti tali funzioni non partono, fintanto che voi non le autorizzate.
    E' chiara, quindi, l'utilità e lo scopo, del tutto leciti, per cui questi programmi sono stati inventati, peccato che esistono altri software che non vi chiedono il permesso di fare queste cose.
    A volte, basta un click su un'email, e quello si installa da solo-.
    Chiaramente le contromisure ci sono..occorre installare software antispy, di un certo livello, ma che comunque non potranno garantire una difesa assoluta, allo stato attuale della tecnologia.

    Ma veniamo al discorso password:
    intanto un consiglio:
    Non lasciare mai il vostro pc in mani di persone, di cui non vi fidate….
    Esistono programmini (facilmente scaricabili da intenet e del tutto gratuiti) che non dovete neppure installare, in quanto vanno a finire in una cartella temporanea….
    In effetti, questi programmini vi foniscono un elenco di tutte le login e password, presenti in quel pc (salvo che abbiate provveduto a cancellarle).
    Questi programmi non sono stati creati per i cosiddetti craccatori, cioè per coloro che cercano di craccare, di trovare la password, o bypassarla, ma sono destinati a coloro che magari l'hanno persa, e quindi con fini leciti, ma ecco che, ancora una volta, dal lecito, il passaggio all'abuso è facile.
    Vi garantisco che per usare questi programmi non ci vuole proprio niente.
    Avete presenti quei films di 007, in cui l'agente di Sua Maestà usa una sorta di scanner, per trovare la combinazione di una cassaforte?
    Ebbene, l'effetto è proprio quello, anzi, mentre nei files il software ricerca, quei programmi leggono direttamente la password e la riportano.

    A questo punto, qualcuno penserà, beh, d'accordo, ma se il pc non lo dò in mano a nessuno?.
    Sbagliato, perchè esistono metodi per craccare password anche senza avere la materiale disponibilità del pc.
    Come fanno?

    Semplice: di questi tempi va di moda la truffa-web…., che consiste nel realizzare una pagina web del tutto simile a quella del sito legale.
    Si copiano siti delle poste, piuttosto che delle banche.
    Vi viene inviata un'email, in cui si dice, ad esempio, che avete vinto un premio fedeltà e voi cosa fate?
    Magari ci cascate, e abboccate, ed allora venite invitati a collegarvi, tramite link, ed a fornire i vostri dati di login e password, come conferma …e venite fregati, perchè dall'altra parte del sito non c'è, ad esempio, la banca, ma il truffatore.

    In molti casi, poi, viene sfruttato il furto dei dati identificativi di un account, per cui quelle care personcine, come la tizia che si dimostra tutta interessata a voi, vi scrive, ecc. ecc.
    Già bisognerebbe stare all'erta su questo, e talora la cosa è più velata, come quando vi dice che ha letto il vostro recapito su un social, o su un sito d'incontri.
    Magari voi vi siete davvero iscritti,e quindi……

    Ma veniamo al craccaggio più sofisticato, quello degli Arsenio Lupin delle password, ed in un certo senso più raffinato:
    senza chiedervi niente, senza avere accesso al vostro pc, ecco che scoprono la vostra password…
    Come fanno?
    Ebbene, ancora una volta ci sono software, peraltro gratuiti (poi gli hacker ed i cracker, come amano definirsi) ne studiano altri di loro creazione, ancora pià sofisticati), in cui basta immettere, ad esempio, un indirizzo di posta, seguito dalla porta, ecc.
    Quindi, si possono sceglire varie alternative, e cioè:
    attacco di tipo brute-force: il programma tenta tutte la varie combinazioni di caratteri, e non solo alfanumerici, finchè trova quella giusta, collegandosi con la vostra casella di posta.
    Solo che i moderni sistemi di posta lo sanno e, quindi, alcuni hanno escogitato una contromisura:
    provate, ad esempio, ad andare sulla posta di libero:
    dopo un certo numero di tentativi, il sistema vi obbliga ad inserire dei caratteri che il sistema produce, perchè se dall'altra parte non c'è nessuno, allora non possono essere letti e, quindi, non venendo inseriti, questo blocca il tentativo, proprio come nel caso di un tentativo brute force.
    Solo che gli hacker lo sanno e, quindi, intervengono, definendo un intervallo temporale, che consente di bypassare il sistema, cioè definiscono un intervallo temporale, tra un tentativo e l'altro, così che la difesa tramite caterreri non si attivi.
    L'unica soluzione, comunque, è quella di utilizzare una password lunga e complessa.
    Questo non impedisce al sistema di tentare di craccarla, ma i tempi sarebbero così lunghi, che il gioco non varrebbe la candela.
    Poi, in atlernativa, si può impostare questo software, in modo che provi solo taluni caratteri o parole, ad esempio utilizzando dei file con parole predefinite.
    Il sistema utilzzato dalle banche è ancora più sofisticato, in quanto funziona con codici variabili.
    C'è però da dire che se uno è vero esperto, potrebbe comunque introdursi nel sistema, copiare il codice mentre viene inserito, e realizzare una sorta di collegamento periferico, di cui voi non vi ccorgete, e che viene tenuto aperto.

    Ma anche off line la sicureza è relativa.
    Le porte blindate ormai vengono aperte con la fiamma ossidrica, mentre i sistemi antifurto utilizzano serrature elettroniche, il cui codice può però essere decrittato tramite particolari tipi di apparecchiature scanner.
    Diciamo, però, che probabilmente la difesa off line è più facile, tramite alcuni accorgimenti, che purtroppo non possono valere on line.
    E' sufficiente, ad esempio, installare la serratura elettronica, che controlla un antifurto, in una zona a sua volta protetta da un sensore.
    Le moderne centraline consentono un ritardo, ad esempio di alcuni secondi, prima di far scattare l'allarme, e questo per dar tempo al legittimo utente del'antifurto, di disattivarlo, mentre il tempo per trovare il codice è infiniatamente più lungo.
    Altra raccomandazione: se proprio volete installare un antifurto, evitate quelli che operano tramite radiocomandi, e fatevi installare solo sistemi cablati.
    Il perchè porterebbe ancora più lontano il discorso…
    .
    Spero, con questo intervento, di aver integrato i validissimi ed utilissimi consigli di Mark, ricordando che molto spesso prevenire è…meglio che curare!

  2. Bruno says:

    Ti ringrazio Mark per avermi informato dell'esistenza di questo genere di truffe perchè non ne ero a conoscenza.

  3. LUCIA says:

    QUEL FESSO DEL MIO UOMO TUTTI I SANTISSIMI GIORNI MI CHIEDE: "GLIE LO DEVO DARE IL NR DELLA POST PAY?"

    QUESTA CHE CONTINUAMENTE GLI CHIEDE IL NR E' UNA PROSTITUTA CHE NON TROVANDO UOMINI A CUI VENDERE IL SUO CORPO SI CREDE FORSE IN DIRITTO DI PROSCIUGARE I C/C ALTRUI!!!

    XO' IO DA SAGGIA DONNA QUALE SONO GLI RISPONDO: "AMO, NON TI PASSI NEANCHE NELL'ANTICAMERA DI QUEL CERVELLINO SOTTOSVILUPPATO CHE HAI DI DARE UN SOLO NS DELLA POST PAY A QUELLA PROSTITUTA, ALTRIMENTI IO TI MOLLO TRA LE SUE BRACCIA, XO' POI QUANDO TRA UN PO' DI TEMPO (NON SO QUANTO SARA') TI RITROVERAI SENZA UN CENTESIMO IN BANCA E NEL PORTAFOGLI E ANCHE SENZA CASA, NON VENIRE A PIANGERE DA ME, XKE' LUCIA X TE NON CI SARA' POI PIU'!!!

    LUI: "ALLORA NON GLIE LO DO!!!"

    IO: "ECCO BRAVO!!!"

    • Spero tu stia scherzando…

      Comunque sia, ti sarei grato se nei prossimi commenti puoi usare le minuscole in quanto scrivere tutto in maiuscolo su internet significa urlare, inoltre è fastidioso leggere tutto in maiuscolo. Grazie.

      • Roberto Consalvo says:

        leggendo la mail di questa signora…penso che il marito il numero di poste pay glielo darà…

        ahahahha…

        • Rosy says:

          Sei fortissima!

  4. MARCo says:

    Grazie con il tuo articolo ho avuto conferma di un tentativo di scam ai danni di un mio collega.
    Gli è capitato tutto esattamente come hai descritto tu .

    Gli mando il link dell'articlo .
    Grazie ancora.

  5. Tiziano says:

    A dire il vero non se ne può più.
    Non se ne può più di questi/e che ti contattano a vario titolo per prendersi qualche soldino.
    Sapevo già della cosa (tra l'altro è vecchia e siste dai tempi delle caselle postali) con internet senz'altro è peggiorata.
    Una ha contattato pure me e io gli ho detto che speravo che i soldi me li dasse lei (perchè a pagare deve essere sempre il maschio).
    Mica me li ha dati però.

    • enrico says:

      eh!eh!
      Evidentemente quella donna che non te li ha dati non è per la parità umo-donna……..
      Anche a me sono arrivati messaggi del genere che ho ignorato però sono parecchio subdoli proprio perchè fanno basso mercimonio dei sentimenti della gente.

  6. Cannelli ma dimmenpo, tu non è che niente niente c'hai parenti americani? Sei sputato Howard, il portiere USA!

    • Che io sappia non ho parenti in USA tuttavia, come spesso si usa ripetere, mai dire mai… 😉

  7. giabar says:

    ahahahahahah….!!!!

    Mark (e tutti i lettori) perdonatemi di quello che dico tra breve, ma questo articolo mi tira direttamente in ballo. Non credo di stare per bestemmiare, ma credo che si tratti della banale realtà…

    Solo chi non ha mai capito niente di donne e si è relazionato poco con loro può cadere nella rete di una che su internet:

    1°) si presenta lei con foto sfocata (ma ci potrebbe stare…);
    2°) fa immediatamente apprezzamenti piacevoli (e iniziano i dubbi…);
    3°) dimostra un'immediata disponibilità (proseguono i dubbi…);
    4°) risponde immediatamente alle mail (si confermano i dubbi…);
    4°) è disponibile a "chiudere" rapidamente (tre indizi fanno una prova!!!).

    ma per piacere…:
    QUANDO MAI SI SONO SENTITE 'STE COSE???

    Forse una cosa del genere può capitare:
    – a Bradd Pitt;
    – a George Clooney;
    – a Tom Cruise (qualche anno fa…)
    – a qualche giocatore di calcio (famoso e ricco, perchè quello che gioca nella squadra dell'oratorio non se lo fila manco la sua fidanzata…);
    – a qualche cantante (idem come per il calciatore);
    – a qualche oligarca russo;
    – a qualche miliardario nostrano;
    – a qualche politico con soldi (quelli veri) e villona spaziale in Sardegna;
    – a qualche spacciatore di roba buona (che viene contattato dalla tipa che vuole farsi fare lo sconto di fornitura…);
    – varie ed eventuali.

    Piccolo particolare: tutte queste categorie di persone non hanno account su facebbok e roba del genere. E se ce l'hanno, c'è uno staff di addetti che gestisce il loro account. Figurati se ci stanno loro di persona. Quindi, è come parlare col pizzicagnolo sotto casa…ti stai rimorchiando lui!!!ahahahahahaha

    Se sei "uno qualunque" vale la regola di sempre. Se vuoi una donna:
    1) te la devi andare a cercare
    2) la devi contattare TU (possibilmente con originalità);
    3) devi stare molto attento a fare complimenti (poichè glieli fanno tutti e quindi sei uno dei tutti);
    4) devi intrigarla;
    5) devi metterla a proprio agio con te;
    6) devi dimostrarle che hai una qualche forma di valore. Se non ce l'hai, puoi anche andare a spararti;
    7) devi stare ore a chattare o roba del genere (mail & CO);
    8) dopo ore di mail, devi chiederle il numero. Con discrezione.
    9) poi, se ti da una qualsiasi forma di via libera, devi incontrarla e continuare l'opera;
    10) devi sedurla.

    Se sbagli mezza mossa, sei OUT!

    Ora: solo chi non conosce questo "rituale" può pensare di essere un seduttore virtuale al quale basta mettere una foto a petto nudo su un facebook qualsiasi, scrivere qualche scemenza sul suo profilo e le donne lo contattano e gli si squagliano ai piedi. Anzi: alla tastiera!!

    E sai cosa ti dico? Ora diventerò antipatico a tantissime persone, ma mi interessa poco: gli sta bene così!!! E' giusto che sia così.

    E' la stessa forma di pietà che ho nei confronti di quelli che danno barche di soldi ai vari maghi & CO per farsi fare le carte oppure che l'unica cosa che leggono nella loro vita è l'oroscopo.

    Queste categorie di persone meritano di essere prese in giro da tutti quelli che hanno capito quanto sia facile fare soldi con la credulità popolare .

    Ma, ripeto, gli sta bene. Non ne ho nessuna pietà. Perchè, secondo me, ci sono dei limiti all'umana deficienza….

    Ma come ti viene in mente di pensare che sei così "figo" che una ti cerca, ti rimorchia, ti chiede lei di uscire, e insiste per concludere???

    E vabbè che i tempi sono cambiati e le donne sono più aggressive e tutto quanto. Ma c'è un limite a tutto…

    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha!!!!!!!

    • Giando says:

      Scusami Giabar,
      ma credo sia ingiusto etichettare come deficiente chi cade in questo tipo di truffe… a mio avviso chi ci cade, oltre ad essere ingenuo, ha un estremo bisogno di vivere delle relazioni, ha bisogno di sentirsi amato e di credere che per qualcuno è veramente importante.

      E' difficile giudicare nel personale di ognuno.

      Io, invece, condanno in maniera decisa maghi, ciarlatani, guaritori, truffatori etc. etc. insomma tutti coloro che lucrano e si approfittano dei bisogni della gente.

      • Giabar says:

        Ciao Giando,
        grazie per la tua risposta. Ci tengo a specificare che io non giudico nessuno. Esprimo solo il mio parere, che sicuramente è un pò drastico. Ma l'avevo premesso…

        Se poi sembra un giudizio, mi spiace che sia passata questa impressione, ma non lo è! Quando uso il termine "deficienza" mi riferisco al senso etimologico del termine:"mancante di".

        Dici di condannare in maniera decisa maghi & CO cioè tutti coloro che "…lucrano e di approfittano dei bisogni della gente", e concordo pienamente con te, figurati.

        Ma aggiungo: queste persone che approfittano dei bisogni degli altri, esistono, lavorano e fanno anche un sacco di soldi proprio perchè ci sono persone che (sempre secondo me, senza giudizi) VOGLIONO farsi fregare. Per bisogno, per carattere, per ignoranza, per debolezza, per quello che vuoi. Ma, di fatto, sono persone che vogliono che ciò accada. Più o meno consapevolmente…

        I politici nostrani (bipartisan: destra e sinistra): come si fa a credere alle fregnacce che dicono con le facce che hanno?

        Come fai a non vedere che la tua donna ha l'amante, se te lo sbatte davanti agli occhi e si fa pizzicare?

        Come fai a credere a chi ti propone un lavoro che "…entro 6 mesi ti farà guadagnare 15.000 euro al mese?".

        Come fai a pensare che se metti il sale nell'acqua fredda e non si scioglie, allora vuol dire che hai il malocchio e quindi "…dammi 6.000 euro che te lo levo io?".

        Come fai a pensare che se arrivi in discoteca con una Ferrari e ti si avvicina una (a caso, la più bòna del locale), lo fa perchè sei un figo, e non perchè hai una bella Ferrari?

        Come si fa a credere a certe imbecillate?? Questo è quello che mi fa dire che non ci sono limiti all'umana deficienza.
        Perchè un politico con la faccia da squalo o da pappone, ce l'ha scritto in faccia chi è, cos'è!. E non mi incanta.

        Perchè uno che mi offre di lavorare a 15.000 euro al mese senza avere prima valutato se li valgo, non mi incanta.

        Perchè basta sapere che il sale in acqua fredda non si scioglie, e il malocchio mi passa in un attimo, senza bisogno del guaritore miracoloso che vuole 6.000 euro.

        Perchè quando arrivo in discoteca con la Ferrari sono consapevole che le donne ci cascano dentro "per sbaglio", ma devo sapere che se ci vado in motorino, forse per portarne a casa una devo faticare un pò di più….

        Insomma: il mio rimanere esterrefatto davanti a certe cose, esprimendo pareri sicuramente fastidiosi, è legato ad un solo concetto: come si fa a non chiamare le cose col proprio nome? Anche la "mancanza di", io la chiamo col suo nome…

        Chi chiama le cose con un nome diverso, lo fa perchè VUOLE raccontarsi un'altra cosa; oppure CERCA qualcuno che gliela racconti come la vuol sentire. Si chiama marketing…

        E quindi: quando le persone si raccontano alcune favole che rasentano la deficienza (intesa sempre nel senso etimologico del termine, eh?), ho difficoltà a trovare un aggettivo diverso da quello che effettivamente è….

        • Complimenti per la risposta: chiara e precisa!

        • Giando says:

          Ciao Giabar,
          fino ad una decina di anni fa anch'io la pensavo come te, ma i diversi anni di servizio nel sociale mi hanno fatto cambiare completamente idea. Mi hanno insegnato, infatti, che esistono persone deboli non per scelta, ma che la vita le ha rese così, per via di forti traumi, di delusioni, di tradimenti… queste persone (intendo anche anziani), sono convinte di non avere più la forza di rialzarsi e, si appoggiano a l'unica cosa che credono possa aiutarli e invece, credimi, in alcuni casi li hanno portati anche al suicidio.

          L'atteggiamento che mi era sembrato di leggere tra le righe del tuo messaggio, era …"se ci caschi è peggio per te, perché solo un 'deficiente' non se ne può accorgere"… e allora ho pensato a quella signora che a 85 anni gli è morto l'unico figlio, lo sciacallo-mago è subito andato da lei e dopo un paio di mesi gli ha lasciato la pensione, la casa e …la vita;
          penso a quel ragazzo (stessa mia età) che è stato educato come nel XVIII secolo, che non esce di casa perché si sente inadeguato e le ragazze ha il coraggio di incontrarle solo sul web etc…(non li scrivo tutti solo per questioni di spazio/tempo)

          Siccome ho conosciuto personalmente queste persone, ti posso assicurare che sono veramente in gamba e di una profondità che insegna e, se avessero incontrato prima vicini-compagni-colleghi che invece di prenderle in giro o 'condannarle' le avessero ascoltate e consigliate correttamente, sono convintissimo che non avrebbero fatto l'errore di farsi truffare. Perché il loro bisogno primario avrebbe trovato un altro tipo di Ascolto.

          Ricordiamoci che la maggior parte di queste truffe non vengono denunciate e in alcuni casi (come ho detto sopra) sono finite in suicidio, proprio per la vergogna di passare per ingenui, imbecilli, tonti… E questo, a mio avviso, è la truffa peggiore.

          Questo è quello che ho capito in questi anni:
          a) che la vita non è solo bianco o nero;
          b) che è nell'incontro-Ascolto dell'altro che realizzo il mio IO (Buber);
          c) che sono fortunatissimo… chissà che fine avrei fatto ora se avessi passato quello che certe persone hanno subìto.

          • Giabar says:

            Ciao Giando,
            grazie per il bel messaggio che hai scritto, perchè mi ha indotto alcune riflessioni aggiuntive, rispetto a quelle che non avevo fatto al primo approccio.

            Sicuramente è vero: ci sono situazioni nella vita delle persone (o almeno: di alcune persone) che le hanno condannate a quello che hai descritto tu. E queste persone meritano il massimo del rispetto, e non certo le parole che ho usato io.

            Ho peccato di supeficialità, lo ammetto: perchè tutto quello che ho scritto era riferito a situazioni diciamo "classiche" cui ho assistito nella vita di tutti i giorni, e relative a persone che non vivono le situazioni che hai descritto, ma vivono molto, molto meglio.

            E questo mi ha fatto fare la "sparata" che ho fatto. Questo è il mio peccato di superficialità, di cui mi scuso pubblicamente.

            Ovviamente non entro nel merito di quello che hai scritto poichè non vivo così a fondo certe situazioni e quindi non mi permetto di dire (anzi: di aggiungere) mezza parola.

            Ho conosciuto anche persone che frequentano regolarmente prostitute et similia, a causa di enormi difficoltà relazionali/sessuali/altro: mai giudicate, mai espresso pareri nei loro confronti, mai emessa una sentenza di condanna.

            Mi riferivo solo a persone che conosco (e che non sono afflitte da una vita come le persone che hai descritto tu), che "sono nel pieno delle loro facoltà mentali, psicologiche, economiche etc etc" e si vogliono illudere di alcune altre cose, ai limiti della deficienza.

            Sappiamo tutti che i più deboli sono vittime delle più spregevoli fregature: mia madre stessa, un paio di mesi fa, è stata rapinata dentro casa da un finto poliziotto: è caduta nella più classica delle trappole che questi signori attuano nei confronti, appunto, dei più deboli.

            Nonostante a mia madre ho detto decine di volte di chiedere "chi è" prima di aprirmi quando le suono il campanello di casa, non mi sono sentito di giudicarla e/o di dirle mezza parola che non fosse di conforto. E' una persona anziana e, sebbene ancora perfettamente lucida,
            è caduta nella trappola proprio perchè, per lei, un poliziotto è sempre un tutore dell'ordine. E quindi si è fidata…

            Spero solo che sia un pò più chiaro il senso di quello che ho scritto.

            • Giando says:

              Ciao Giabar,
              non devi scusarti, avevo capito che ti riferivi ad un altro genere di persone, ma ho voluto ugualmente mettere in luce un argomento che a volte si trascura e che è, a mio avviso, molto importante.

              D'altronde ero certo, anche se non ci conosciamo direttamente, della tua sensibilità… dote fondamentale per capire il mondo femminile.

  8. Patrizio Messina says:

    Quoto tutto. Inoltre per esperienze personali e anche per sentito dire da altri, le donne che cercano avventure via chat e simili sono generalmente problematiche dal punto di vista caratteriale.

    A proposito di scam, c'è nè un altro in voga negli ultimi anni via msn. Ti contatta una "tipa", scrivendo in inglese e ti chiede che fai. Uno in genere risponde, Continua la chiaccherata con frasi classiche tipo come ti chiami, che stai facendo eccetera. Alla fine dice di veergognarsi un po' ma ti dà un link dove lei ha la videochat…

    Ovviamente l'ingresso è a pagamento!!!

    Io quando per la prima volta ho avuto questo contatto me lo immaginavo che era un servizio a pagamento, ma siccome avevo conosciuto delle ragazze inglesi, e su msn parlavano come se già ci conoscessimo ho pensato: vuoi vedere che è una di quelle e faccio la figura di quello che non se le ricorda?

    In ogni caso appena è apparso il sito a pagamento ho capito l'arcano. Nei giorni successivi ne sono arrivati altri di questi contatti e ho notato che le domande erano sempre le stesse. Allora ho pensato fosse un sistema di domande computerizzate, tant'è vero che le domande erano a risposta scontata e poi rispondevano a domanda scontata tipo: ciao come stai sono Brigitte. La risposta classica è "ciao, io sto bene e tu?" dall'altra parte c'è la contro risposta del tipo: "io sto bene, che stai facendo?" eccetera. Anche se uno rispondeva col nome, la risposta era semrpe valida, una tautologia insomma.

    A questo punto io comincio a scrivere lettere a caso nella tastiera e ovviamente il sistema funziona cmq :-))))

    Occhio che di gente "furba" c'è ne un sacco in internet…

  9. Gianfranco says:

    Ciao! A tutti Voi ,anche a me è capitato di ricevere di tanto in tanto richieste di amicizia tramite e-mail da presunte avvenenti ragazze con tante lusinghe e la proposta di scambiarci le foto,ultimamente anche da qualche social network,addirittura anche e-mail che dicevano di essere stato selezionato da un concorso premi internazionale tramite sorteggio e-mail e che per aggiudicarsi il premio dovevo comunicare i miei dati personali,a questi altri tentativi " di bidoni" si aggiunge sporadicamente "il più nobile,per la causa di un esiliato politico rivoluzionario africano": al sottoscritto veniva chiesto di mettere a disposizione il propio conto corrente bancario per trasferimento fondi di sostegno alla causa rivoluzionaria dell' elisiato politico.
    A tutti questi tentativi di truffe on line tramite messaggi, non bisogna neppur rispondere e cestinarli subito; io li apro soltando per leggerli e riderci sopra!Peccato che alcune persone ci cascono e ci cascheranno purttroppo per la loro spiccata sensibilità personale,comunque parlarne sui blog e forum e come quì d' altronte,aiuta a mettere in guardia le persone da questi odiosi tentativi di truffe on line.

  10. Umberto says:

    Salve.

    Purtroppo sono uno di quelli che ha bisogno di relazionarsi e che qualche volta( per fortuna senza perdere soldi) stavo per cadere nelle trappole della rete con e-mail di ragazze avvenenti che mi cercavano su facebook ecc… La cosa più grave che ho fatto e continuo a fare è quella di pagare ogni tanto dei siti per incontri dove spero di trovare la mia anima gemella visto che aimè nella vita reale proprio non ci riesco. Sono una sorta di repellente per le donne e se è vero che chi ricorre a questi mezzi ha poca stima di se allora forse è meglio che anche io trovi li la mia ragazza con poca autostima e magari piano piano possiamo crescere insieme.

    Può sembrare un ragionamento deleterio e disfattista ma in effetti ad un timido come me questi mezzi fanno gola perchè è come se si avverasse il sogno di poter conoscere delle donne senza dover incappare nel fatto di doverle ATTRARRE prima. Anche perchè parliamoci chiaro il timido perde tutta la sua energia maschile inutile negarlo, e non può mai sviluppare una personalità attraente ma soltanto recuperare un pò di coraggio e neppure tantissimo. Io personalmente debbo ringraziare internet, ed ora faccio l'avvocato del diavolo, perchè se è vero che esistono le truffe è anche vero che 2 delle sole 3 fidanzate che ho avuto in 28 anni le ho conosciute grazie alla rete che mi ha reso più spontaneo e disinibito ed alla fine le ho attratte.

    Dunque ti chiedo Giabar, saresti pronto a giurare che avrei attratto queste donne lo stesso , se fossi stato per strada e le avrei approcciate a freddo? , ho dei dubbi che spero mi sfaterai.

    grazie siete mitici.

    • Umberto carissimo, chiedi a Mark se ha in programma di organizzare un corso di autostima, penso proprio che tu ne abbia veramente bisogno.

      Inizia a volerti bene: questo è il primo passo!

      Con affetto.

      Carla

    • giabar says:

      Ciao Umberto,
      certo che ti rispondo!

      Faccio una piccola premessa, perchè forse mi sono spiegato male, e così mi spiego meglio.

      Un mio amico carissimo, il quale tutto è tranne che uno sfigato con le donne e in generale, ha conosciuto la donna con cui si sposa tra qualche mese su una chat.

      Anche lei, nulla a che vedere con le donne sfigate che girano dentro e fuori le chat: la conosco personalmente, ed è una donna in gamba. Non mi piace esteticamente, ma non è a me che deve piacere…

      Questo per dirti che, secondo me:
      1) la chat è un modo come un altro per conoscere persone, nè più nè meno di un locale;
      2) non credo sia una cosa da sfigati;
      3) sicuramente può aiutare chi ha delle difficoltà;
      4) pagare per "entrare" in una chat mi sembra normale, come si fa per entrare in un locale;
      5) non credo sia una cosa "grave" avere pagato l'iscrizione;
      6) occorre conoscere la tecnica di rimorchio in chat, perchè ha una dinamica diversa dall'off-line.Io, personalmente non la conosco;
      7) non giudico nemmeno chi va con le prostitute. Se è il mestiere più antico del mondo, un motivo ci sarà pure, no?

      Ciò premesso, mi rallegra che non hai "ceduto" a facili provocazioni su FB o altri canali perchè, forse, hai sentito puzza di bruciato nonostante la tentazione.

      Io mi riferivo a quei "polli da spennare" (come li ha graziosamente definiti qualcuno qualche tempo fa) che abboccano in modo sprovveduto a certe cose. Tutto qui.

      Infatti, ho fatto un elenco di situazioni/persone che bisogna essere proprio deficienti (etimologicamente: "mancanti di") per crederci davvero!!! Ci ho messo in mezzo i politici, quelli che vendono guadagni facili subito, quelli che girano in Ferrari e sono convinti di avere le donne perchè sono dei fighi etc etc… Ho fatto qualche esempio di quella che, per me, rasenta l'umana deficienza.

      Anni fa, avevo un amico (anche un bel ragazzo) la cui famiglia era molto, molto ricca. All'epoca (avevamo 23-25 anni) girava con una macchina da 110 milioni di lire, ed era impossibile non notarla (la macchina).

      Ma lui era consapevole: "Le donne vengono con me solo perchè sanno che ho un sacco di soldi", mi disse una volta. Ne era dispiaciuto, ma l'idea di comprarsi una bella Y10 non gli passava per la testa. Però, almeno, chiamava le cose con il loro nome. Non si prendeva in giro.

      Ovviamente, approfittava a mani basse della situazione. Chi non lo farebbe?

      Era incastrato nel suo sistema e non riusciva ad uscirne. Perchè, mi rendo conto, la scelta da fare era davvero difficile.
      Ma era consapevole. Sapeva perchè aveva le donne, e non si prendeva in giro.

      Al contrario di alcuni personaggi che non hanno una lira, sono bruttini e pure poco interessanti e anche scostanti, e credono che la splendida di turno che vaga in internet sta cercando proprio loro per le "qualità" che hanno.

      Io stesso, non credo di somigliare molto a Bradd Pitt o George Clooney. E non ho nemmeno i loro soldi. E qualche volta mi è anche capitata la tipa che voleva "stringere" in fretta. Mi sono freddato come un ghiacciolo, sempre. Perchè??

      Perchè il maschio sono io. Se voglio una donna, faccio di tutto per andare a prendermela. I ruoli sono definiti dalla natura, non da me. Io mi adeguo e basta.

      Le donne che si propongono in modo rapido ed insistente, mi hanno sempre lasciato un pò perplesso. Sicuramente ho perso tante occasioni, per carità. Ma prima di loro ci sono sempre io. Con quello che sono, e con quell che penso. Di me…

      Non sono pronto a giurare che avresti attratto allo stesso modo quelle donne che hai attratto nelle chat. Non sarò mai pronto ad un giuramento del genere!!! Fosse solo che non ti conosco.

      Quello che ti posso garantire è che tantissimi uomini o ragazzi approcciano a freddo e "concludono". Io stesso, l'ho fatto decine di volte.

      Tantissime donne "barattano" volentieri la Ferrari, i soldi, la villa al mare, con qualcosa che colpisca la loro emotività più di quanto possono fare le cose materiali.

      Basta solo sapere cosa si deve fare, e come bisogna farlo, e la cosa è molto più semplice di quanto possa sembrare.

      Questo si, te lo posso giurare.

      • Umberto says:

        Grazie della risposta sono perfettamente daccordo con te. Ma la pratica e la vita reale rispetto alla chat è davvero tutta un'altra storia. Io mi sento molto brutto anche se le ragazze dicono il contrario ma poi cmq non ci stanno( paradossi della vita eh!).

        Nella vita reale lei non si aspetta di incontrarmi e per certi versi potrei essere di impiccio visto che magari lei si trovava per i fatti suoi ecc… ed ovviamente non la sta approcciando brad pitt ma bensì umberto che non è nessuno. Nella chat almeno chi ci va ha un minimo di intenzione di conoscere gente.

  11. Mi dispiace per queste persone, vorrei essere li con loro!
    Non sempre l'esperienza insegna la via giusta: dipende dalla nostra reazione e non tutti (dico io) siamo fortunati ad avere l'alchimia emotiva adatta a fare della nostra vita un capolavoro.
    La capacità di difendere la propria vita dipende dalla nostra abilità nel riconoscere "a naso" e in base alle nostre conoscenze ed esperienze le situazioni e le persone che abbiamo davanti ogni volta e a escludere con forza quelle che sono in qualche modo una minaccia alla nostra sopravvivenza.
    Come sempre la differenza la fa la conoscenza a parita delle altre variabili, per questo incito tutti e continuamente di investire denaro sulla propria formazione e su esperienze che possano determinare per te un salto di qualità: il denaro non vale niente se non viene valorizzato è solo carta rugosa con la quale pulirsi tristemente il di dietro.




Home - Chi Siamo - Affiliazione - Contatti


I corsi online che ti semplificano la vita

Semplifica.com - Tutti i diritti riservati ©
Avvertenza: nulla di quanto divulgato attraverso questo sito puó essere interpretato come un
tentativo di offrire una consulenza e/o prescrizione medica, psicologica o finanziaria.
E' vietata la riproduzione, copia, distribuzione, diffusione, tramite qualunque mezzo analogico o digitale,
anche solo parziale, del sito e dei contenuti a esso associati, ai sensi della Legge 633/41. Eventuali
abusi saranno perseguiti a norma di legge sul diritto d'autore.