=> Crescita personale e libertà interiore


I corsi online che ti semplificano la vita
 

Home Blog - Corsi Online Gratuiti - Corsi Online Avanzati - Testimonianze



Crescita personale e libertà interiore

categoryCrescita Personalecategory

crescita personale

In alcuni commenti sul mio recente articolo dedicato alla crescita personale (lo trovi cliccando qui) mi hanno fatto alcune critiche che riguardano, principalmente, quanto avevo scritto su Robbins e sul firewalking (più comunemente conosciuta come camminata sui carboni ardenti).

Ritengo che tali critiche si basino su un fraitendimento di quanto avevo espresso nel mio precedente articolo…o forse non sono stato io abbastanza bravo da farmi capire! 😉

Vabbè, in ogni caso colgo la palla al balzo per rispondere ad alcuni dei suddetti commenti e per fare alcune importanti e doverose puntualizzazioni…

Mi è stato fatto notare che le mie posizioni sono preconcette. Mia risposta: e come potrebbe essere altrimenti?? 🙂 Noi esseri umani (tutti!) ci formiamo SEMPRE un’opinione su cose, eventi e persone che si basa sul nostro vissuto, cultura, eccetera…ovvero su delle esperienze PRE-CONCETTE che esistono prima ancora di emettere un determinato giudizio.

…In questo senso, ogni opinione non può che essere il frutto di un pre-giudizio, senza necessariamente intendere, con questo termine, un giudizio di tipo negativo su cose, persone o eventi.

Detto questo, lo scopo del mio precedente articolo NON era quello di sconsigliare determinati percorsi di crescita personale, ma solo di rendere consapevole che c’è dell’altro.

Non è un caso, infatti, che abbia dato il seguente titolo a quell’articolo: “CRESCITA PERSONALE: non solo carboni ardenti e PNL…”

…Intendevo dire che, in tema di crescita personale, dobbiamo cercare di essere interiormente il più liberi possibile: ognuno di noi è diverso e credo sia normale che spesso persone diverse scelgano percorsi di miglioramento e sviluppo personale diversi, a seconda delle proprie attitudini e del proprio vissuto.

In questo senso, non credo che si faccia un buon “servizio” a se stessi limitandosi a esplorare soltanto le opzioni più conosciute e di massa pensando (o illudendosi) che esse rappresentino l’alpha e l’omega di un determinato argomento.

Il rischio (concreto) che si corre è quelo di perdere tantissima altra ricchezza! E questo sarebbe un vero peccato. In nome di cosa poi? Soltanto perché magari ci siamo abituati – o affezionati – a un determinato percorso di crescita personale, o a certe idee?

Certo, ci sarà sempre chi dirà “io sono soddisfatto/a così!”. In questi casi, la mia risposta sarà un immancabile: “Buon per te! 🙂 Io invece ho continuato a cercare perché, dopo un’iniziale entusiasmo, non mi sono sentito più in sintonia con determinati percorsi di crescita personale.”

…Oppure, altre volte, non è stato un discorso di non sentirsi più in sintonia, ma semplicemente di volere andare OLTRE. Di percepire nel profondo delle proprie viscere che c’era dell’ALTRO e che avevo tutte le potenzialità per raggiungerlo.

Tuttavia, per andare oltre, ho spesso messo in discussione molte delle mie certezze (o presunte tali). Non è stato facile, ma col senno di poi ne è valsa la pena…senza per questo rinnegare quello che c’è stato prima che mi ha permesso di arrivare dove sono ora.

Mark Cannelli


Banner

Tua Email:


7 Commenti a “Crescita personale e libertà interiore”

  1. Gian Piero Turletti says:

    Credo proprio che talune critiche siano oggetto di qualche fraintendimento.

    Non si trattava di porre delle preclusioni, ma di indicare l'esistenza di ALTRO.
    E credo che questo sia utile in molti campi.
    Consideriamo la scienza:
    esistono certe teorie, ad esempio della fisica, che paiono consolidare talune certezze per un certo periodo, ma poi, sempre con metodo a mio avviso scientifico o, come si preferisce dire in certi ambienti, informato a canoni di correttezza epistemologica, ecco che talune teorie, anche di Einstein, o di altri scienziati meno noti ai più, come Nicola Tesla, rivoluzionano il sapere precedente e paiono affermare verità che, per altri, sono infondate, ed a confutazione di precedenti certezze.

    Lo stesso dicasi per la crescita personale.
    Molti nella loro vita ritengono di aver conseguito notevoli livelli di autorealizzazione, dopo aver sperimentato la pirobazia?
    Benissimo.

    Ma…..
    Già, spesso c'è qualche ma, che s'insinua nelle nostre certezze, nei nostri convincimenti e che credo debba sempre svolgere una funzione critica rispetto a quanto ci viene proposto, corso, seminario, ecc.

    A cosa servono, anzi, servirebbero, tutti questi discorsi sulla crescita personale?
    Fondamentalmente, ad un obiettivo, cioè la nostra autorealizzazione, che poi significa realizzare i nostri obiettivi.
    Ed al riguardo si potrebbe scrivere un trattato.

    Mi limito, quindi, ad osservare quanto segue.
    La mia impressione è che, guardando al generale panorama della crescita personale, la quasi totalità di queste esperienze si rivolga a persone che soffrono sopratutto di disistima nei propri confronti o, comunque, di scarsa motivazione.
    Dico questo, perchè poi, alla fin fine, l'inegnamento più importante che ne puoi trarre è che non devi lasciarti condizionare da convincimenti limitanti, e via dicendo.
    Io dico: ok, tutto questo va benissimo, ma…appunto…ecco il mio ma….
    E per tutti coloro che non sono in questa situazione?

    Sono cioè d'accordo che, superando certi convincimenti negativi, frutto di autodemotivazione, si possano perseguire molti degli obiettivi che ci poniamo, ma questo non risolve tutto.
    E se le persone si pongono obiettivi maggiori e diversi, rispetto a quelle che possono essere le loro realistiche aspettative?

    Beh, devo dire che allora sembra che tutti questi discorsi non servano…
    perchè quegli stessi formatori, in genere, ti dicono che devi porti obiettivi realistici, già, ed ecco ancora un ma…..ma se io sono una persona che, appunto, già in vita sua ha realizato questi obiettivi realistici, e che non soffre affatto di disistima?

    Ovvio che il mio discorso vale per qualunque ambito, ma voglio fare un esempio pratico, pratico, per SEMPLIFICARE.
    Ipotizziamo che a questi corsi vada una persona demotivata.
    Ok, imparerà a non demotivarsi più……

    E magari riuscirà a raggiungere un certo livello di carriera, tanto per far riferimento ad un obiettivo in un ambito a tutti comprensibile, ma…..
    A questi corsi magari va una persona, tutt'altro che affetta da demotivazione o convinzioni limitanti, e che ha un obiettivo molto preciso:
    diventare l'amministratore dell'azienda in cui lavora….
    ma…(e ridaje con questi ma)….battuta a parte……
    guarda caso ci sono tanti altri che hanno lo stesso obiettivo e che sono altrettanto motivati…..
    eppure in quell'azienda c'è uno ed un unico amministratore delegato.

    Ho voluto dimostrare, con un semplice esempio, che talora non si tratta di non riuscire a conseguire un obiettivo, perchè non si seguono queste o quelle indicazioni, ma perchè è la situazione che, oggettivamente….
    Del resto, cosa dicono a questi corsi?
    Poniti obiettivi realistici:
    e se quello che è realistico l'ho già conseguito, ed i miei obiettivi sono altri?
    Come si vede, in quegli stessi ambiti sussiste la consapevolezza che non esistono obiettivi sempre e comunque realizzabili.
    E, quindi, ambiti di crescita personali, per i quali, forse, si può dire:
    per molti, ma non per tutti.

    • Sono d'accordo.

      Tanti anni fa ho letto un libro di W.Dyer che distingueva la condizione di assenza di malattia (percepita dalla maggior parte delle persone come "stare bene") dalle pratiche ed abitudini che ci possono portare ad un livello superiore (che lui chiamava "supersalute").

      E ritrovo nel tuo commento lo stesso concetto. Ovvero che molti corsi possono essere utili a chi sta messo male a livello di motivazione e capacità di agire in modo coerente al raggiungimento dei propri obiettivi. Mentre è più difficile trovare qualcosa di utile per chi è già avanti nel proprio percorso di crescita personale.

      Sarà che devo ancora percorrere molta strada, ma trovo ancora tanta roba utile in giro. Ed è anche chiaro che più si va avanti nel proprio percorso di crescita e più i miglioramenti diventano meno evidenti. Più i miglioramenti diventano aggiusti, correzioni, piccole intuizioni. Magari un corso riesce a darti solo qualche spunto importante, mentre all'inizio del percorso tutto poteva essere utile.

      Credo che in giro gente seria e competente ce ne sia. Persone che possono darti qualcosa di utile per continuare a crescere.

      Ed io la crescita non la intendo solo a livello psicologico-motivazionale o finanziario. Io penso anche al livello spirituale.

      La difficoltà sta più che altro nel selezionare persone di qualità e valore dei contenuti che comunicano.

      Sono d'accordo sul fatto che ci sia tanta gente in giro che tiene corsi, pubblica libri ed ebook, gestisce siti e blog, con il solo scopo di generare incassi. questa gente non ha problemi a passare per utile o indispensabile una serie di porcate incredibili.

      In questo, come in tutte le altre cose, sta a noi ed al nostro spirito critico "distinguere il grano dal loglio".

  2. enrico says:

    Condivido pienamente Mark. Infatti Mark dice chiaramente che è contrario alle "americanate" del tipo "..yeahhhhhhhhh!Spacco tutto!" ma ha voluto porsi come esploratore neutro solo per far vedere certe realtà che invece sembrano essere accettate da tante altre persone.
    Infatti chiudersi a riccio senza voler vedere altri punti di vista non è detto che paghi, anzi!
    Mi viene ad esempio un esempio di storia: il bolognese Guglielmo Marconi inventò il radar e lo propose al regio esercito italiano. Egli venne snobbato e la sua invenzione non venne presa in considerazione dalla marina italiana.Per ironia della sorte gli inglesi al contrario presero a cuore la sua invenzione ed il radar……………..venne usato con spaventosa efficacia proprio contro la marina italiana durante la seconda guerra mondiale…………in questo modo la marina inglese inflisse pesantissime batoste a quella italiana……………

  3. Ciao Mark,
    condivido appieno il tuo pensiero, punto per punto.
    Disse un pò di tempo fa un ex partigiano e grande statista:"Io non condivido le tue idee ma combatterò fino alla morte perchè tu le possa esprimere!".

  4. Ciao a Mark e a tutti
    Avendo anch'io la passione per tutto ciò che concerne miglioramento e sviluppo personale mi introduco volentieri in questa discussione.
    Credo che ognuno di noi inizi un percorso di crescita perchè "colpito" da qualcosa: un'idea, una strada, un personaggio, qualcosa insomma che desta attenzione ed emozione. Credo anche sia del tutto normale poter cambiare idea rispetto all'"idea" o al percorso precedente ( scusate il gioco di parole). Rimane il fatto che pure io come Mark non stimo ed apprezzo molto le cosiddette americanate. Vero è anche che ciò che conta non è tanto il fatto in sè quanto ciò che questo fatto può lasciare all'interno delle persone in termini di entusiasmo, di passione, di voglia di mettersi in gioco, di volontà nello sconfiggere le proprie paure. Conosco tanta gente che ha partecipato ai corsi di Anthony Robbins e che ne è uscita trasformata, a volte anche eccessivamente. Il tempo poi mitiga molte cose e dà un senso equilibrato all'esperienza vissuta. Spesso il seme piantato porta buoni frutti, qualche volta il frutto lascia un pò a desiderare. L'importante è persistere su una strada, sia essa in un verso o in un altro, che porta allo sviluppo e alla crescita dei talenti e dei doni che la natura ci ha dato.
    Un caro saluto a tutti
    Roberto

  5. Umberto says:

    Ho intrapreso diversi cammini di crescita personale ivi compreso il vostro corso di seduzione sui due dvd.
    Utilissimi per chi possiede i "fondamentali" di attitudine alla vita sociale la grinta e la carica necessaria , l'amore per la vita e soprattutto non deve soffrire di ansia sociale e timidezza come me.
    Ovviamente non è per fare sempre il pessimista ma se si prende uno come me che è un perfetto fallito e gli si impara ad un corso di pnl o di qualsiasi altro genere delle tecniche ecc… quest'uomo sarà solo un fallito che in più conosce delle tecniche.
    Io sogno di trovare la mia crescita personale trovando qualcosa che mi diverta sul serio ma ancora a 28 anni non l'ho trovata.
    Il motivo di ciò è che tutte le volte che mi ritrovo a condividere delle esperienze con la gente finisco sempre per perdervi interesse subito perchè si sa la gente critica offende e ci sono sempre le mele marcie che rovinano tutto.
    Qualche tempo fà ricordo che lottavo molto più spesso contro queste persone ma visto che non si può(giustamente) cambiarle tutte ho quasi smesso di lottare ed è iniziato un lunghissimo periodo di apatia che dura ancora oggi.

  6. Ciao Mark, sono d'accordo col tuo punto di vista e con chi ti ha risposto. E' vero che ne3l campo della crescita personale c'e' sempre qualcosa da imparare,ma io personalmente non credo che un corso di un weekend possa cambiare il corso della vita.Non credo alle maratone spirituali e non trovo fondamentale partecipare ad una camminata sui carboni per comprendere un piu' profondo senso della vita.Allora gli scampati alle catastrofi naturali dovrebbero esserne molto contenti…
    Pagare profumatamente per cose che la vita ci destina mi sembra un po un'idiozia
    Un abbraccio




Home - Chi Siamo - Affiliazione - Contatti


I corsi online che ti semplificano la vita

Semplifica.com - Tutti i diritti riservati ©
Avvertenza: nulla di quanto divulgato attraverso questo sito puó essere interpretato come un
tentativo di offrire una consulenza e/o prescrizione medica, psicologica o finanziaria.
E' vietata la riproduzione, copia, distribuzione, diffusione, tramite qualunque mezzo analogico o digitale,
anche solo parziale, del sito e dei contenuti a esso associati, ai sensi della Legge 633/41. Eventuali
abusi saranno perseguiti a norma di legge sul diritto d'autore.